Paris

28 Settembre 2015, Paris – Job Research

Sabato è inizita la mia ricerca.

Dopo aver settato un CV alla francese (più diretto e sintetico, niente modello europeo e bla bla bla) col moi francesino preferito, siamo usciti alla volta di cinque posti a cui avevamo pensato in precedenza, due ristoranti (simil-)italiani e tre pub.

Sono bartender da diversi anni ormai e l’esperienza londinese ha fortificato ulteriormente la mia passione per questo lavoro e per gli spiriti in generale. Non ho pero’ troppa confidenza con la lingua francese,  quindi ho scelto di cominciare volando basso: posti carini, molto frequentati da turisti e in belle zone, ma niente Michelin Star o club privati come quelli per cui ho lavorato oltremanica.

In totale, infine, ho lasciato traccia del mio passaggio in sette posti, intavolando conversazioni col mio francese arrangiato e tanti sorrisi.

Non farò la finta modesta, inconsapevole e quant’altro: so di avere un buon CV, mi faccio il mazzo da due vite e mezza, e so di avere una bella presenza, in linea di massima (lavorativamente parlando) piaccio alla gente.

I risultati sono stati i seguenti: tralasciando un negozio di animali grande come un supermercato, il cui commesso sembrava perplesso in quanto non ho alcuna esperienza nel settore e col mio francese balbettante mi ci vorrei vedere io stessa a spiegare le differenze tra i vari cibi per cani (sa, questo è più bilanciato ed adatto a soggetti sensibili, questo invece..), il resto posso dire sia stato un piacevole successo.
Due politicamente corretti “le faremo sapere”; un “la chiameremo in settimana per una prova”; un “ne parlero’ col mio manager ma le scriva una mail lei stessa, per essere sicuri che visioni il suo curriculum. Ah, e passi anche da questo locale chiedendo di Fred, è un posto nuovo molto bello, dovrebbero aver bisogno, le piacerà”;  un “torni lunedì mattina per parlare col capo” e un “torni lunedi’ sera per una prova”.
Mi sono ritrovata quindi, all’effettivo, con una prova, un colloquio e un nuovo contatto tra le mani. Ero soddisfatta e fiduciosa, oltre che incredibilmente stanca.

Stamattina sono andata a fare il colloquio che mi ha portato ad avere un’altra prova fissata per domani mattina. Un buon inizio di giornata!
Andando poi verso la metro per raggiungere M per pranzo, mi sono fermata in una boutique di whiskey e spiriti che aveva attirato la mia attenzione due sere prima, ma che avevo trovato chiusa. E’ stato AMORE: posticino stupendo dislocato su tre piani, con un una vastità di prodotti di una qualità a momenti imbarazzante, con tanto di piccolo bar/laboratorio per darsi alla mixologia. Un piccolo paradiso, giuro. Mi hanno detto di contattarli direttamente sul sito oggi stesso, perché hanno bisogno di una persona almeno; ed una ragazza bartender potrebbe essere perfetta. Ovviamente non erano loro a doverlo decidere, ma hanno subito scritto una mail a chi di dovere che sommata alla mia potrebbe fruttare il risultato sperato.

E non lo dovrei dire, ma ci spero davvero. Davvero tanto! Di tutti quelli visti fin’ora, sarebbe il posto che sceglierei. Incrociamo le dita nell’attesa che loro scelgano me.

image

S.

Annunci

10 thoughts on “28 Settembre 2015, Paris – Job Research

  1. Però… mi ricordi… mia moglie (che è la seconda) quando ancora non ci conoscevamo.
    Finite le superiori, lei partì per Londra per studiare inglese, e si pagò i corsi lavorando a pranzo in un ristorante italiano e la sera come bartender in un club di biliardo. Dopo un paio d’anni venne presa come assistente di volo in Italia, e lasciò perdere Londra. Adesso, 20 anni dopo, ha trascorso gli ultimi 3 anni in cassa integrazione studiando alla Sapienza e laureandosi in Cinese e Coreano (Inglese e Francese già li parla). Quindi… ora ha buone speranze di trovare lavoro in un ristorante cinese!!
    A parte le battute, mi ricorda spesso che, i primi tempi a Londra, aveva un successone al club di biliardo PROPRIO perché aveva difficoltà con la lingua e non sapeva neanche come si preparassero i cocktail, quindi erano i clienti stessi che glielo dovevano spiegare ogni volta. Quando poi imparò a giocare lei stessa a biliardo… diventò un successone: i proprietari la adoravano.
    Grazie per avermi fatto tornare in mente tutto questo.
    Take care

    Liked by 2 people

    1. Grazie a te per aver condiviso questo dolce ricordo! Si direbbe una donna coraggiosa, tua moglie.. Non si farà fermare da questo paese a rotoli, si è reinventata ancora e ancora! Sono certa che troverà un lavoro che la ripaghi per questo 😉
      Un abbraccio a voi

      Liked by 1 persona

Tell me what you think!!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...