Paris

22 Novembre 2015, Paris

La perseveranza è la virtù dei forti, è vero. E io ho perseverato, a momenti anche con poca convinzione, anche vacillando. Ho perseverao ed ho ottenuto. Ho ottenuto e ho gioito. Anche adesso è dura, i ritmi tosti, il tempo che prima abbondava svanisce in turni di lavoro estremamente lunghi. Ma abbraccio tutto quasto con ottimismo, ché il bene genera bene. E pure questo è vero!
Venerdi’ pomeriggio, infatti, la fortuna ha scelto me, di nuovo.

Un facoltoso cliente ha dovuto a malincuore annullare la sua prenotazione all’albergo; era in possesso anche di due biglietti per il Cirque du Soleil ed essendo essi per lo spettacolo della sera seguente, non erano ormai più rimborsabili. La reception è stata molto gentile e disponibile con questo signore, tanto che egli ha deciso di inviare all’albergo i suoi biglietti, augurando allo staff dell’hotel di goderseli. Sarebbe stato uno spreco non utilizzarli! A quanto pare, i miei due colleghi presenti in quel momento alla reception non erano interessati allo show, lo staff del ristorante era in pausa ed io ero tutta solo al bar.
-“Sara, ti piacerebbe vedere il Cirque du Soleil?”-

… Pochi minuti dopo, via sms:
-“Che ne pensi di andare al Cirque du Soleil domani sera?”
-“Penso che purtroppo non possiamo permettercelo!! 😦 ”
-“E se la tua ragazza avesse già dei costosissimi biglietti per lo show, ci andresti con lei??”

 

Ieri sera quindi, dopo una lunga giornata di commissioni, ci siamo diretti dalla parte opposta della città per assistere ad uno spettacolo meraviglioso, che altro non è se non la dimostrazione che un circo puo’ (e deve) essere grandioso e stupefacente anche senza la presenza di animali, che a quel colorato mondo itinerante proprio non dovrebbero appartenere. I posti che il (mio) benefattore aveva acquistato erano i migliori: centralissimi, vicini al palco ma non troppo, in modo da avere una perfetta visuale. Abbiamo riso, ci siamo stupiti ed emozionati di fronte alla maestria di acrobati impeccabili e colonne sonore (rigorosamente live) coinvolgenti. Ci siamo goduti l’atmofera spensierata e viva tanto quanto la compagnia reciproca, dopo che lavoro e studi ci avevano divisi per l’intera settimana. Ed è proprio per questo che non usciamo quasi mai, il tempo a disposizione è poco (ed i soldini pure, ndr) e bisogna sfruttarlo al massimo per riposarsi. Abbiamo mangiato un quintale di popcorn zuccherosi mentre i riflettori illuminavano i nostri visi presi e sorpresi, come quelli dei bambini. Ce ne siamo stati abbracciati su quelle poltroncine come se avessimo freddo, caldi d’amore e della fortuna che siamo consapevoli di avere.

 

S.

Annunci

Tell me what you think!!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...