Off topic ma mai troppo

No more than 3 minutes – III part

(I and II parts here)

Vediamo entrare tre bambini: hanno l’aria seria, quasi solenne; potrebbe avere tra i 7 e i 10 anni. Ci guardano con stupore e diffidenza con i loro occhi scuri, poi uno chiede:
-“Dov’è suor Daniela?”
-“È uscita, ci ha chiesto di badare alle sue cose finché non torna. Come ti chiami?” 
Sofia parla dolcemente ma con tono fermo, come potrebbe parlare ad un qualsiasi adulto, coprendo con un impeccabile velo di realtà la menzogna che le esce dalla bocca. Sento chiaramente la sua forza empatica sprigionarsi, come una lingua di fumo che cerca di avvolgere il bambino, che a questo punto sorride lievemente.
-“Thomàs. Ma suor Daniela non esce mai. Sa che veniamo ogni sette giorni. Sa che è importante.” risponde lui, tornando serio e diffidente.
Strano, Sofia non sta facendo presa su di lui. È un evento rarissimo, sembra resisterle con facilità. Stupefacente.
Vedo Lara annuire, condividendo il mio pensiero.
-“Certo, sappiamo anche noi che è importante, ecco perché siamo qui. Possiamo aiutarvi al posto suo per questa volta, che ne dite?”
I tre ragazzini si guardano l’un l’altro prima di acconsentire, avvicinandosi alle damigiane.
-“Ce ne serve una soltanto” dice Thomàs.
-“Prendetela pure”.
Il più piccolo mi si avvicina, facendo guizzare gli occhi neri tra me e lo scrittoio.
-“Suor Daniela ci dà sempre due tappi smeraldo” mi dice. Ne prendo cinque e glieli porgo, mentre il suo viso si illumina di stupore e gratitudine. 

Abbandonano la stanza lasciandoci nel silenzio, piene di domande. Sofia è palesemente nervosa. Non è buon segno.
-“Stanno arrivando”, dice. “Pensano sia colpa nostra.”
-“Vorreste farci credere di non essere voi le responsabili della sparizione e, quanto possiamo saperne, della morte di suor Daniela?”
Cinque soldati fanno il loro ingresso nella stanza: armature metalliche coprono gli ampi petti, frange di cuoio lasciano intravedere quadricipiti muscolosi; sulle loro teste, elmi sormontati da un piumaggio rosso e compatto. Hanno delle lance con lunghe lame sottili e leggermente ricurve. Sappiamo che le useranno senza troppi scrupoli.
-“Vi sbagliate, davvero. Siamo appena arrivate in questo posto, non sappiamo neanche dove ci troviamo esattamente.” risponde Lara con voce decisa, senza mostrare alcuna paura o titubanza.
-“Però avete saputo esattamente cosa dire e fare con i nostri ragazzi. Strano, non vi pare? Prendetele”.

  

Annunci

One thought on “No more than 3 minutes – III part

Tell me what you think!!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...