Barcelona

Primera Semana en Barcelona!

Siamo arrivati da una settimana.
Settimana che è trascorsa con leggerezza, un passo dopo l’altro, senza fretta.
Grazie all’aiuto e mediazione di un amico abbiamo un appartamento, anche se probabilmente lo lasceremo a fine ottobre… Troppo grande, un po’ caro e con qualche problemino, ma come appoggio iniziale è perfetto.
Speriamo di non dover impazzire troppo nella ricerca!
Ci siamo anche iscritti a scuola, cominceremo il nostro corso di spagnolo tra meno di una settimana.. E sono curiosa!! Sinceramente, tornare tra i banchi dopo tutti questi anni mi fa davvero strano, ma ho voglia di imparare e di entrare in confidenza con questa bella lingua, perciò non vedo l’ora!
Abbiamo anche partecipato ad una serata di scambio linguistico, evento che avevo scovato su internet.. Ma credo l’esperienza meriti un post a parte, è stata talmente assurda e improbabile e divertente che sento il bisogno di darle il giusto spazio!! Se ci penso ancora rido 😀
Aggiungerei che questa città mi mette fame.. Non farei altro che mangiare! Stiamo girellando parecchio e fosse per me mi fermerei ad ogni chioschetto o bettola o street food truck per rotolarmi nelle loro untuose e formaggiose cibarie. Diventerò 100 kg nel giro di poco, se non mi do un contegno e mi rimetto a fare sport! Che a dire la verità mi manca, mi manca davvero.. Presto, presto!
Insomma, ieri ci siamo fatti una bella passeggiata piuttosto stancante nel bellissimo Park Guell, dalla cui terrazza sulla cima hai una vista incredibile su tutta Barcellona.. Magnifico! In serata poi, affamati, siamo andati a Pollo Rico (consigliatoci da una mia cara amica), un “ristorante” che dire spartano è poco, in cui mangi al bancone piatti tipici spagnoli e catalani. Non gli daresti due lire, l’ambiente e la pulizia non sono esattamente da Michelin Star e la clientela a colpo d’occhio sembra quella dei peggiori bar de Caracas, ma il personale è gentilissimo, il cibo ottimo, le porzioni enormi e i sorrisi contagiosi. Abbiamo mangiato le immancabili Patatas Bravas come antipasto, passando alla prima Paella della mia vita (ebbene si!), la cui preparazione di circa 20/25 minuti è stata fatta davanti ai nostri occhi.. Tutto fresco, cotto al momento, niente di già pronto riscaldato.. Una bellezza! Dulcis in fundo, una crema catalana che ha fatto cantare le mie papille gustative. Giuro, era sublime, sorprendente. Lo chef ha messo lo zucchero sulla crema e lo ha caramellato riscaldando un attrezzo metallico sul fuoco per poi premercelo sopra, una maniera davvero artigianale che non avevo mai visto usare. Ci hanno anche offerto ciò che sembrava essere del limoncello, ma molto alla buona: una bomba alcolica, che dopo un litro di sangria ci ha un po’ “toccati”.
Non saprei dire perché o per come, ma sono tornata a casa felice, per la prima volta da quando siamo arrivati mi sono sentita un po’ parte di questa città, di questo popolo, delle sue tradizioni. Mi sentivo bene e spero di provare questa sensazione ancora e ancora, sempre più spesso e intensamente.
Sarà una sfida e lo sappiamo, ma ci siamo dentro con le scarpe e tutto e non abbiamo nessuna intenzione di abbandonare 😉

  
S.

Annunci

Tell me what you think!!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...